È proseguito da remoto l’incontro, al Ministero dell’Istruzione sugli organici del personale docente per il prossimo anno scolastico. Per l’Amministrazione erano presenti il Capo Dipartimento dott. Bruschi e il dirigente dell’Ufficio del personale docente ed educativo dott. Ponticiello

Le nostre richieste specifiche e l’insistenza con la quale abbiamo posto il problema del valore imprescindibile delle relazioni sindacali e del confronto hanno costretto il Ministero a rivedere l’ipotesi inziale di determinazione degli organici. È stato infatti assicurato il mantenimento degli organici attuali, anche in considerazione del fatto che l’organico determinato a livello triennale resta valido anche per il 2021.
Sono stati poi assicurati ulteriori 390 posti per l’organico di potenziamento nella scuola dell’infanzia e la stabilizzazione sull’organico di diritto di 1090 posti di sostegno per effetto della legge 160/2019.
Sui posti previsti continuano a produrre effetti le norme di cui al riordino degli istituti professionali e alle previsioni della relazione tecnica allegata al d.lgs. 61/2017, con 513 posti in meno di Itp e 184 posti in meno di docenti laureati.
Negli istituti professionali chiediamo che l’applicazione del d.lgs. 61/2017 non generi posizioni di soprannumerarietà, il mantenimento dell’ora di geografia generale ed economica, già prevista dal precedente ordinamento, il rispetto dei limiti fissati dalla relazione tecnica allegata al d.lgs. 61/2017 per la riduzione dei posti dei docenti laureati di cui alla tabella A delle classi di concorso e l’individuazione di un posto in organico di diritto per consentire il funzionamento dell’ufficio tecnico in tutti gli istituti con percorsi di Iefp. Per tale motivo chiediamo che a livello regionale si operi attentamente per compensare le eventuali riduzioni di posti causate dal crescente calo demografico con interventi mirati ad incrementare i posti negli istituti professionali, dove il rischio di dispersione scolastica è più elevato che altrove, anche in considerazione degli effetti devastanti sul piano sociale causati dall’emergenza sanitaria.
La positiva conclusione della questione degli organici ci convince che la strada da noi intrapresa è quella giusta.

Altre questioni premono, a partire dall’urgenza di un concorso straordinario per soli titoli e dell’aggiornamento delle graduatorie di istituto.
Solo con il ripristino delle normali e corrette relazioni sindacali sarà possibile garantire un avvio regolare del prossimo anno scolastico.

Ancora in remoto si è svolto l’incontro con Ministero dell’Istruzione sulla formazione dei dirigenti scolastici neoassunti. Per l’Amministrazione era presente il Dott. Davide D’Amico che ha informato le OO.SS. presenti sulla consistenza dei finanziamenti alle scuole polo coinvolte nella formazione dei dirigenti neoassunti. Le risorse finanziarie sono state rideterminate per le sole attività formative passando da 1.437.725 a 1.279.000. Restano confermate invece le risorse per i tutor.
Lo SNALS-Confsal ha chiesto che il Ministero dia indicazioni univoche agli USR per l’organizzazione delle attività formative, insistendo sulla necessità che le stesse diano rilievo alla gestione delle situazioni operative e funzionali correlate all’attuale emergenza sanitaria.
Abbiamo inoltre chiesto lo spostamento dei termini di alcuni adempimenti in capo ai dirigenti neoassunti e ai tutor, in particolare il differimento di almeno trenta giorni per la relazione finale da parte dei dirigenti e per il report dei tutor, già fissati rispettivamente al 30 maggio ed al 30 giugno.
L’amministrazione ha assicurato di fornire indicazioni operative agli USR in coerenza anche con quanto richiesto dalle organizzazioni sindacali.
Faranno seguito altri incontri sulle problematiche della dirigenza, rese ancora più gravi dalle attuali condizioni di esercizio della funzione dirigenziale.