Negli ultimi anni la normativa relativa al pagamento del TFS/TFR ha subito diverse variazioni sia per tempi di attesa che per la ripartizione del pagamento in più quote.
Riepiloghiamo di seguito la normativa attuale

Il pagamento del TFR/TFR con decorrenza settembre 2018 riguarda:

  • Pensionati/e in pensione anticipata dal 1.09.2016;
  • Pensionati/e in pensione di vecchiaia dal 1.09.2017;
  • Pensionati per aver maturato il requisito compiuto 40° al   31/12/2011 collocati in pensione dal 1.09.2018.

A partire dal mese di settembre 2018 spetta il pagamento della prima quota del TFS/TFR alle seguenti tipologie di pensionati:

  • Pensionati/e in pensione anticipata dal 1.09.2016, per costoro è ormai trascorso il previsto «periodo dei 24 mesi «ed entro i tre mesi successivi deve essere effettuato il pagamento dovuto.
  • Pensionati/e in pensione di vecchiaia dal 1.09.2017, per costoro è ormai trascorso il previsto «periodo dei 12 mesi» ed entro i tre mesi successivi deve essere effettuato il pagamento dovuto.
  • Pensionati per aver maturato il requisito compiuto 40° al   31/12/2011 in pensione dal 1.09.2018, costoro hanno diritto al pagamento entro 105 gg dalla cessazione avvenuta il 1.09.2018. (Il pagamento è riferito ai requisiti maturati in precedenza, non quelli alla cessazione e nessuna rateizzazione.)

Si ricorda che per i pensionamenti con i requisiti maturati dopo il 1.1.2014 si effettuerà il pagamento in più quote:

  • la prima quota, riferita ad un importo lordo totale di € 50.000, alle scadenze sopra indicate;
  • la seconda quota, fino ad un lordo totale di € 100.000, verrà pagata dopo 12 mesi dalla prima;
  • la terza quota, fino ad un totale massimo di € 150.000, verrà pagata dopo 24 mesi dalla prima.

Tutti coloro che cessati nel 2016 e 2017 che abbiano cambiato, per qualsiasi motivo, l’IBAN della banca di accredito già comunicato nella domanda di pensionamento, debbono comunicare il nuovo IBAN al settore TFS dell’INPS di competenza.
È possibile consultare l’emissione del mandato di pagamento del TFS/TFR sul sito INPS utilizzando il proprio Pin ed il codice fiscale.

Si allega l’informativa a cura di E. Costa