La richiesta unitaria di convocazione dell’Organismo di conciliazione è un ulteriore passo, dopo la proclamazione dello stato di agitazione e dell’indizione della manifestazione nazionale del prossimo 9 marzo dinanzi al Miur, della forte iniziativa sindacale messa in campo da Snals Confsal, Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola per risolvere in tempi brevi e positivamente la vertenza sul Fun.

É’ questo un ulteriore segnale dell’impegno unitario che ci coinvolge con azioni concrete di tutela della categoria che non può essere lasciata in balia di scelte politiche e amministrative che offendono la dignità professionale e puniscono severamente sul piano economico.

Lo Snals Confsal rivolge un forte appello ai dirigenti scolastici di essere presenti compatti alla manifestazione del 9 marzo per esprimere un forte sostegno alla delegazione che sarà impegnata al tavolo dell’organismo di conciliazione.

Le Organizzazioni sindacali Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, in data 16 febbraio 2016, con nota prot. n. 97, hanno provveduto ai sensi dell’articolo 2, comma 2, della Legge n. 146 del 12.6.1990, come modificata dalla Legge n. 83/2000, a comunicare la proclamazione dello stato di agitazione dei Dirigenti Scolastici con contestuale richiesta di incontro urgente al quale il MIUR non ha dato alcun seguito.

Lo stato di agitazione era ed è motivato dalla tuttora mancata certificazione delle risorse contrattuali relative al FUN 2015/2016, dalla mancata ripartizione regionale delle stesse, dalla conseguente mancata apertura dei tavoli di Contrattazione Integrativa Regionale sulla retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti scolastici per l’a.s. 2015/16 nonché per le decurtazioni stipendiali derivanti dall’interpretazione restrittiva del decreto-legge 78/2010,  che permangono nonostante l’incremento del FUN disposto dal comma 86 dell’art. 1 della Legge 107/2015.

Si richiede, pertanto, l’esperimento della procedura conciliativa prevista dalla legge sopra citata, convocando l’apposito Organismo di conciliazione costituito con D.M. n. 127 del 20.4.2000.

Si rimane in attesa di urgente riscontro.